Santuario della Madonna di Valverde

A Bovino, in Puglia, c’è il santuario della Madonna di Valverde. Immeritatamente poco conosciuto, risale alla primavera del 1266 quando un contadino di nome Niccolò sognò di essere in una foresta a raccogliere legna da ardere per alcuni amici.

L’apparizione

Shrine of Our Lady of ValverdeAll’improvviso gli apparve una donna che gli chiese un po’ d’acqua dalla fontana vicina: l’uomo acconsentì alla richiesta della signora la quale gli disse di essere la madre del figlio di Dio, venuta per proteggere dal peccato gli abitanti di Bovino. Nel sogno, indicò a Niccolò di andare dal proprio vescovo a chiedergli di costruire in quel punto un santuario con il nome di Santa Maria di Valleverde.

Anche se il sogno sembrava molto reale, Niccolò continuò a ignorare la Madonna anche quando tornò ad apparirgli altre quattro volte. Questo finché non rimase improvvisamente zoppo: a quel punto pensò che quella era la punizione per la sua disobbedienza.

Decise quindi di andare dal vescovo a raccontare quello che gli stava succedendo e immediatamente guarì anche se il vescovo era dubbioso e chiese il luogo esatto dove la chiesa avrebbe dovuto essere stata costruita.

La Madonna apparve ancora in sogno a Niccolò e gli indicò dove doveva essere la chiesa, delimitandone i confini con piccoli fasci d’erba; quando il vescovo, il clero e la popolazione di Bovino andarono nel posto indicato in sogno, trovarono i fasci d’erba esattamente dove era stato detto.

La chiesa

La chiesa è stata costruita in soli quattro mesi ed è diventata una destinazione popolare per i pellegrinaggi. Più tardi un monastero fu costruito qui dai cistercensi, e poi in seguito vi presero residenza i frati minori cappuccini.

Il santuario si trova a circa 20 miglia a sud-ovest di Foggia, posizione che lo rende ideale per visitare anche altri santuari della zona, come il Santuario di Padre Pio nella vicina San Giovanni Rotondo. Il viaggio si effettua comodamente in treno fino a Foggia, da lì si dovrà prendere un taxi o autobus.

Leave a Reply

Name *
Email *
Website